jlabvda.it
Seguici su

A Saint-Vincent torna “Symposia”. Il tema 2018 è: “I nostri desideri, le realtà possibili”

Un appuntamento che si rinnova ormai da quindici anni. Organizzato dall’Assessorato della Sanità, salute e politiche sociali e dal Centro Europeo di Bioetica e Qualità della Vita della Valle d’Aosta, con il patrocinio dell’Università della Valle d’Aosta e la collaborazione di numerose istituzioni scolastiche regionali, giovedì prossimo, 15 marzo, al Centro Congressi del Grand Hotel Billia di Saint-Vincent, tornerà “Symposia”, che per l’edizione 2018 avrà per tema “I nostri desideri, le realtà possibili” e si rivolgerà ad oltre trecento giovani studenti valdostani.

L’evento ruota attorno a temi fondamentali per la crescita e l’educazione delle nuove generazioni. L’edizione di quest’anno, in particolare, si pone l’obiettivo di incrociare i desideri di autorealizzazione e le passioni coltivate dagli adolescenti con le opportunità presenti e future offerte dal mondo del lavoro, delle attività e delle arti.

Una prima parte del convegno sarà costituita da una rassegna di testimonianze da parte di personaggi, locali e non, che rappresentano delle eccellenze nei settori in cui operano e che hanno compiuto scelte etiche importanti.

Nella seconda parte, gli stessi testimonial, affiancati da operatori, condurranno dei veri e propri laboratori durante i quali sarà affrontato – attraverso casi di studio, simulazioni, soluzione a situazioni critiche e attività creative – il tema della professione lavorativa sottolineandone anche le implicazioni etiche.

“Per i nostri giovani  – afferma l’Assessore alla Sanità, Luigi Bertschy – questa è un’occasione per guardarsi intorno e capire quante risorse il nostro territorio offre per il loro futuro, quante occasioni per crescere vanno colte nel mondo contemporaneo così aperto e accessibile e come sia importante non perdere le radici e una cornice morale sulla quale fondare le proprie azioni”.

Introdurrà la giornata la Professoressa Teresa Grange, ordinario di Pedagogia Sperimentale presso l’Università della Valle d’Aosta e titolare della Chaire Senghor de la Francophonie.

Il programma dettagliato può essere scaricato qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l’informativa. Informativa Privacy